… per gli amici FENTS!

Pubblicato: 9 giugno 2011 in Uncategorized


Ciao Andrea,
me ne stavo al tavolo da disegno, colorando una donna africana vestita di mille colori, sopraffatto dai pennarelli. Me ne stavo lì, chino sul foglio quando arriva un messaggio. Solo un rumore, ma ero concentrato. Una scocciatura, senza dubbio. Poi leggo. E c’è scritto che ti sei spento stamattina. Allora guardo fuori dalla finestra, come se fuori ci fosse una soluzione. Così penso che la soluzione sia finire il colore di quella donna africana. Colori all’improvviso in bianco e nero, come un ricordo, colori che si beve il foglio. Jacopo e Nicolò stanno bene, da un po’ di tempo, specie Jacopo, mi chiedono della morte. Jacopo soprattutto mi chiede “Noi non moriamo mai?”.  Così gli ho spiegato tutto, senza tralasciare niente, che poi i bambini hanno bisogno di elaborare, altrimenti mica te la fanno passare liscia! Gli ho detto che quando una persona  è curiosa e ha voglia di giocare allora non può invecchiare e quindi non muore mai. Di tanto in tanto tira fuori la storia, me lo richiede, mi tira in ballo l’esempio di chi non c’è più, alla fine arriva a quel “Noi non moriamo mai?”. Poi gli ho detto che la morte è come un errore, ma… basta il ricordo per fregarla!! Quando continui a commettere lo stesso errore, come la guerra, vuol dire che hai dimenticato quanto era brutta. Così gli ho detto che se una persona te le ricordi sempre quella sarà sempre, in qualche modo, viva. Gli ho spiegato come stanno le cose, quindi non devo trovare le parole per spiegargli di te. Jacopo sembra è rassicurato. Sono io che faccio fatica a convincere me stesso, ma spero che i bimbi non se ne accorgano. Gli dirò che stavo tagliando le cipolle o… che mi è andato qualcosa nell’occhio. Insomma, non preoccuparti… qualcosa m’invento!
Ciao Fents!

In memoria e in ricordo di Andrea Fenti. Per gli amici Fents

Annunci
commenti
  1. fabio ha detto:

    Ad un’anno di distanza ancora mi fa male la la scomparsa di un amico conosciuto all’università. Ogni tanto digito sul browser il nome di Andrea sperando di trovare chi sa che… E trovo sempre questo momento di dolore, che ho letto e riletto, mi ha commosso e continua a commuovermi..
    Fabio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...