BELLE COSE

Pubblicato: 23 gennaio 2010 in Uncategorized

Intendiamoci,  Luigi Giuseppe (doppio nome come un trumeau) non è un’eccezione. E’ la regola.
Quello che ammiro in lui è la costanza con la quale fa polemica, alza polveroni, accende discussioni, s’impunta come un comodino di 120 kg e ha un solo aspetto propositivo: il bel nome del suo Popolo (della Libertà). Per il resto rasenta potenzialità di carriera politica molto simili a quelle di Giovanni Paolo XXIII Bernini: l’immobilità.
Luigi Giuseppe è sempre pronto a indignarsi, a  denunciare e a farsi carico di questioni morali.
Lorenzo Lasalunga di Polis, fa un bel pezzo (linkerei il sito del suo giornale se fosse aggiornato a questo secolo), ripreso dai colleghi di http://pantalone-parma.blogautore.repubblica.it/2010/01/23/crisi-altrui-e-abbuffata-in-regione/ dove ci narra che l’indignazione di Luigi, la polemica di Giuseppe, l’acume politico di Villani hanno una sola ragione di esistere: giustificare i soldi che prende e che elargisce. Compresa una pensione sudata come la Libertà del Popolo.
Per carità, Luigi Giuseppe non è l’unico. E anche in questo chissà come gli brucia non esser meglio degli altri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...