TOLLERANZA ZERO

Pubblicato: 31 agosto 2009 in Uncategorized

maxilloMia cugina è ricoverata al sesto piano del maxillofacciale. Intervento di routine. Entro in ascensore e non faccio caso alla persona che mi affianca. Poi intuisco che ho già visto quella faccia. Sembra un ragazzino, gracile, basso. Lui si accorge, così gli rivolgo la parola “Mi scusi, lei è Emmanuel Bonsu?”. Non gli do del tu come la stragrande maggioranza delle persone farebbe con uno di pelle nera. Fa un cenno affermativo con la testa. “Mi dispiace molto per quello che le è successo”. Mia zia mi chiede se io e il ragazzo ci conosciamo, le rispondo “Poi ti spiego.” Continuo “Come sta?” e con gli occhi bassi risponde “Insomma…”. Cerco una via di fuga “Comunque… complimenti, so che è stato promosso. Ora sta lavorando?”. Scuote la testa, come sconsolato “No, per ora solo volontariato.” Le porte dell’ascensore si riaprono. Arrivati. Ci salutiamo. E’ passato un po’ dal 29 settembre scorso, da quando è stato scambiato per il palo di un pusher, da quando è stato picchiato, infamato, discriminato.

Emmanuel ancora in maxillo. Forse non è cambiato nulla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...